Immagine

Sono il fratello Joseph; mia moglie ed io siamo originari della Costa d'Avorio (Africa). Quando avevo 8 anni, un gruppo di missionari cristiani venne nel mio villaggio per un’evangelizzazione. Alla conclusione della loro predica invitarono tutti coloro che desideravano accettare Gesù nella loro vita ad avvicinarsi per una preghiera. Senza esitare, mi avvicinai, pregarono per me ed accettai Gesù nella mia vita.


Serena

Mi chiamo Serena, ho 19 anni e, se dovessi riassumere la mia vita con una frase, affermerei: “Il mio orecchio aveva sentito parlare di te, ma ora l’occhio mio ti ha visto.” (Giobbe 42:5)

Mi spiego meglio. La mia famiglia è cristiana evangelica, di conseguenza andavo in chiesa tutte le domeniche e sentivo parlare di Gesù tutti i giorni. Per me era scontata l’esistenza di Dio, non l’ho mai dubitata. Mi sono sempre reputata una persona perbene, altruista, gentile ed educata. Non ho mai fatto niente di male. O così credevo.


Mario

Mi chiamo Mario e ho 66 anni. Fin da ragazzino servivo il Signore nella mia chiesa, infatti facevo il chierichetto, quindi all’età di undici anni entrai in seminario; in quei tre anni, non mi hanno mai insegnato a leggere la Parola di Dio. Si svolgevano solo pratiche religiose in cui non avevo un rapporto diretto e personale con Dio. Alla fine di quei tre anni, sono andato via deluso e scoraggiato, infatti per diverso tempo, cioè fino all’età di 27 anni, ho frequentato la chiesa solo in occasioni particolari come: matrimoni o funerali.


Copertina

Pace a tutti! Mi chiamo Daniel, ho 45 anni e vorrei condividere con voi come il Signore ha cambiato la mia vita.

Fin dall'adolescenza all’età di 28 anni circa, vivevo secondo i canoni e gli ideali della musica Death-metal: l'amicizia era sacra, più importante dell'amore tra un uomo e una donna. Uscire insieme con gli amici era finalizzato alla distruzione, odiavamo questa società che non ci accettava e così bevevamo per divertirci.


mente cuore anima

Mi chiamo Antonio, sono nato a Taranto e cresciuto in una famiglia numerosa, di religione cattolica ma non praticante. La mia infanzia non è stata molto bella: mio padre beveva e i miei fratelli, senza un controllo paterno, cominciarono ad infrangere la legge, finendo in carcere varie volte. Mia madre soffriva tanto e io, che ero il più piccolo, crescevo con dei vuoti dentro di me.