Villa Verucchio 2019

“Tu non sei solo” è stato il tema delle giornate di evangelizzazione tenutesi a Villa Verucchio il 7, l’8 e il  9 settembre, tratto dal Salmo 68 verso 6: “A quelli che sono soli Dio dà una famiglia”.

Durante la prima sera abbiamo ascoltato la testimonianza  di due giovani che, accettando il Signore come proprio personale Salvatore, hanno realizzato un radicale cambiamento nella loro vita, ricevendo pace, gioia e soprattutto liberazione dai legami della paura, dell’ansia e dalla schiavitù del peccato.  La parte principale della riunione è stata il messaggio della Parola, portato dal fratello Fabio Russo, responsabile della missione di Villa Verucchio. Il testo, tratto da I Re 19:9, 10, presenta la figura di Elia che si trovò in una situazione di vera solitudine. Sebbene egli fosse una persona dal carattere forte e deciso,  sapeva che il Signore era l’unico che poteva aiutarlo. Gesù è vivente, è reale e se ci rivolgiamo a Lui con tutto il nostro cuore, Gli permetteremo di entrare nella nostra vita, di trasformarla e di dimorare dentro di noi per sempre!

esterno

La mattina dell'8 settembre si è tenuto un culto di lode al Signore. Il messaggio, portato nuovamente dal fratello Fabio Russo e tratto da Giovanni 18:37, 38, ha preso in esame la domanda che Ponzio Pilato, governatore romano della provincia della Giudea, rivolse un giorno a Gesù: “Che cos’è verità?”. La risposta a questa domanda la troviamo chiaramente scritta nella Bibbia: “Gesù disse: «Io sono la via, la verità e la vita… Chi crede in me ha vita eterna.»”. La verità non è una cosa, ma è una persona, Cristo Gesù, morto sulla croce, ma risorto, vivente nei secoli dei secoli e che sta per tornare. Credendo in Gesù e riponendo in Lui tutta la nostra fiducia, troveremo la Verità, la Via e la Vita Eterna!

Nel corso del pomeriggio, con il teatrino della Compagnia dell’ora felice, si è avuta anche la possibilità di portare ai più piccoli e ai loro genitori il lieto messaggio di salvezza in Cristo Gesù!

dperl

La serata si è conclusa poi con una riunione di evangelizzazione. Il messaggio della Parola di Dio, esposto dal fratello Domenico Di Pietro, pastore della comunità di Cattolica, tratto da II Re 5:1-15, ha considerato la figura di Naaman, capo dell’esercito del re di Siria, un uomo stimato, forte e coraggioso, che era però lebbroso. Questa condizione provocava in lui uno stato di grande umiliazione e solitudine. Naaman dovette imparare a sottomettersi al Signore e ad ubbidire alla Sua Parola, ricevuta tramite il profeta di Dio, per poter essere poi guarito. Se ubbidiamo alla Parola del Signore, vedremo la vittoria su ogni cosa, innanzitutto e soprattutto sul peccato, infatti il principale scopo di Dio è quello di rivelarsi alla nostra vita per perdonare tutti i nostri peccati

interno

L’evangelizzazione è terminata la sera del 9 settembre. Il messaggio della Parola è stato portato dal fratello Luigi Mendolicchio, pastore della comunità di Ravenna e di Pinarella di Cervia. Il testo della meditazione è stato Atti 10:1, 2, 30-48, dove ci viene presentato Cornelio, centurione della coorte detta Italica, un pagano ma anche un uomo che cercava da tanto tempo il Signore ed era perseverante in questa ricerca. La vita di Cornelio, dal momento in cui fu riempita di Cristo, fu sconvolta in BENE. Questo ci incoraggia a mettere alla prova Dio perchè così facendo Egli, certamente, si farà trovare: “«Infatti io so i pensieri che medito per voi», dice il Signore: «pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza. Voi mi invocherete, verrete a pregarmi e io vi esaudirò. Voi mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore; io mi lascerò trovare da voi», dice il Signore”. (Geremia 29:11-14). 

Grati al Signore per questa opportunità, preghiamo per tutti coloro che hanno ricevuto la Sua Parola attraverso questa meravigliosa occasione:

Infatti chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato”. (Romani 10:13).