Copertina

 

“Eben-Ezer: «Fin qui il Signore ci ha soccorsi»” (I Samuele 7:12)

In questo episodio biblico vediamo come la mano del Signore era stesa sul popolo d'Israele: Dio gli concesse una vittoria che superò ogni previsione e gli donò pace per tutta la vita di Samuele.

In questo periodo storico particolare, anche noi della comunità di Rimini possiamo ringraziare il Signore perché fino ad oggi Egli ci ha sostenuto e ci ha permesso di continuare a servirLo e a benedire il Suo Santo nome anche in maniera pratica nonostante le pesanti restrizioni. Sebbene si siano verificati degli episodi di lockdown in cui non è stato possibile vederci di persona, attraverso l’uso della tecnologia tuttora a nostra disposizione, come i social media e le piattaforme video, abbiamo potuto comunque rimanere in contatto con la fratellanza non solo locale. Grazie, infatti, al potenziamento di questi canali, siamo riusciti a raggiungere anche fratelli e sorelle che negli incontri ordinari non è sempre possibile incontrare, condividendo con loro preziosi momenti di adorazione al Signore, ma anche nuove anime da evangelizzare. Dio è grande

Quando siamo riusciti nuovamente a gustare le benedizioni del Signore riunendoci in presenza, queste sono risultate ancora più abbondanti, perché eravamo ancora più consapevoli di quanto sia preziosa la comunione fraterna e di quanto i credenti siano un incoraggiamento gli uni per gli altri, tutti al servizio del nostro amato Padre Celeste.

Nonostante le circostanze meno favorevoli di questo periodo di pandemia, il Signore, la cui opera non si ferma ma rimane continua e costante, ha aggiunto nuove anime al Suo popolo, continuando a parlare ai cuori di molti e incoraggiandoci attraverso queste conversioni.

Grazie a Dio ad oggi abbiamo potuto riprendere servizi rimasti sospesi per diverso tempo, come le visite ai malati, i progetti nelle carceri ed altre evangelizzazioni.

Con profonda gratitudine al Signore e a piena voce anche noi oggi possiamo porre la nostra pietra e dichiarare: “Eben-Ezer, fin qui il Signore ci ha soccorsi”.