Skip to content Skip to navigation

Elimelec - Sviamento

deserto carestia elimelec moab israele

Elimelec vuol dire: Dio è re. Il suo nome avrebbe dovuto ricordargli che Dio governa sul suo popolo anche in tempi di carestia. Dio governa sul creato, sui popoli e sulle nazioni della terra, sugli individui, sul tempo e sulle circostanze. Il popolo di Dio riconosce questa sovranità, così ogni singolo credente, quindi dovrebbe credere che se Dio permette determinate circostanze è per un piano ben preciso, che prevede la correzione, la possibilità del ravvedimento, il ristabilimento e la benedizione. Il credente, quindi, dovrebbe sempre mantenere la fiducia nella volontà di Dio (Ger. 29:11; Rom:12:2). Lo sviamento inizia quando il credente non mantiene questa fiducia. Sviamento che non necessariamente debba portare al rinnegamento ma sicuramente ci fa allontanare dalla volontà di Dio. Elimelec non rinnegherà l'Iddio di Israele ma farà delle scelte che purtroppo lo porteranno lontano dalla benedizione di Dio e dal luogo dove Dio aveva stabilito questa benedizione. Quali sono le conseguenze dello sviamento. 

1. VALUTAZIONE UMANA (o carnale) DELLE CIRCOSTANZE 

Quando ci si svia e si perde la fiducia in Dio si valutano le circostanze non più alla luce della volontà di Dio ma ci si basa sui criteri umani. Abramo che sta imparando a camminare con Dio farà questo errore (Gen 12: lO) con le conseguenze che sappiamo. Lot farà lo stesso errore (Gen:13:5-12). Errore che non faranno ne Isacco neppure Giacobbe (Gen:26:1-3;Gen:46:1-5

Il credente valuterà ogni cosa della sua vita sulla base dei criteri spirituali (1 Cor:2:12-16; Gia. 4:13-17) 

Quali sono questi criteri? 

i. Criterio di utilità spirituale ' 

ii. Criterio di edificazione altrui . (1 Cor:6:12;1 Cor:10:23

iii. Criterio di libertà 

iv. Criterio di buona testimonianza (1 Tim:6:1

v. Criterio di Adorazione (Col:3:17

d. I criteri spirituali si acquisiscono per mezzo dello Spirito Santo attraverso la Parola e la preghiera 

2. ALLONTANARSI DALLA BENEDIZIONE DIVINA 

Elimelec lascia Betlemme (casa del pane), si separa dal Popolo di dio, si allontana dalla presenza di Dio (lascia il culto che si offriva a Dio). 

Nella sua valutazione umana delle cose sembra che non senta la mancanza delle cose che ha lasciate. Elimelec non rinnega Dio ma non sente più la mancanza delle cose di Dio. 

Lo sviamento porta il credente a non sentire il bisogno delle benedizioni speciali che Dio dona, quando lo serviamo in mezzo al suo popolo (Sal. 133:3; Sal. 22:22-25; Ebr. 10:25) 

3. TOLLERANZA VERSO IL PECCATO 

Elimelec non si assocerà ai costumi Moabiti (vedi Lot), però sicuramente dovrà essere più tollerante verso una realtà che invece Dio condannava in modo categorico (Deu:23:3

Lo sviamento porta il credente a valutare le cose del mondo e il peccato in una forma più indulgente (2 Cor:6:14; Gia. 4:4; Giuda 1:23). 

Lo sviamento inesorabilmente porta alla morte 

CONCLUSIONE 

Alcuni credenti non si accorgono che si sono sviati (illudendosi), perché hanno lasciato il primo amore, sono diventati più tolleranti verso il peccato, sono diventati tiepidi, anche se non commettono fornicazione e non mangiano carni sacrificate agli idoli (Apo:2:1-5; Apo:2:20; Apo:3:1-3; Apo:3:14-16

 
Spiridione Strano

Aggiungi un commento

Simple

  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>

Plain text

  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
Il servizio Mollom verifica il problema dello spam, quindi se vuoi inserire un commento non ti preoccupare. Il servizio evita commenti creati da software, tramite captcha e riconoscimento scritturale. Puoi leggere le indicazioni sulla riservatezza .